+39-338-931-5138 guglielmo.capasso@gmail.com

Tasty & Easy

Le nostre ricette
Potatura Olivo Come Potare l'Olivo Senza Danneggiarlo
26
Feb

Potatura Olivo Come Potare l’Olivo Senza Danneggiarlo

Potatura Olivo Come Potare l’Olivo Senza Danneggiarlo



Tantissimi video di ricette facili sul canale youtube

Curiosità
La potatura dell’olivo è una delle pratiche colturali maggiormente attuate dagli agricoltori per aumentare la produzione dei frutti.

La potatura dell’olivo, oltre ad accrescere la produzione, cerca anche di migliorare la forma dell’albero omonimo che naturalmente tende a crescere in maniera eccessiva e disordinata con una chioma che scende verso il basso e verso l’esterno diventando simile a un cespuglio. Guarda anche come piantare ortaggi in balcone (qui).

Ti potrebbe anche interessare






Il Taglio

L’olivo, generalmente, si pota tagliando rami improduttivi, vecchi o inutili o le branche di quelli produttivi in modo da favorire l’emissione di nuovi germogli e rinnovare la fioritura e la fruttificazione dei rami fertili.

I rami improduttivi sono quelli che tendono ad allungarsi. Dalla pianta vanno rimossi anche i polloni e i succhioni, rami molto robusti che sottraggono energia alla pianta.

I polloni sono rami che hanno origine dalle radici. I succhioni, invece, sono rami che si sviluppano dal tronco.

Questi rami, per la capacità di assorbire la gran parte delle sostanze nutritive del terreno, possono essere completamente eliminati.

I tagli, nella potatura dell’olivo, vanno eseguiti individuando prima le zone da tagliare e poi procedendo a effettuare i tagli più grandi.

L’andamento dei tagli deve essere dall’alto verso il basso.

Tutte queste tipologie di potatura, sono ad eliminazione cioè togliendo le parti inutili o eccessive.

L’eliminazione è, infatti, più intensa negli alberi vecchi , dove la chioma viene parecchio sfoltita coincidendo con la cosiddetta potatura di ringiovanimento.

Con le incisioni di ritorno si interviene su parti vegetative esistenti che vengono accorciate o private delle branche per migliorarne l’attività vegetativa.

Le parti dell’olivo da tagliare dipenderanno sempre dal tipo di potatura che si intende effettuare, rami, pollini e branche da eliminare si trovano posizionati in determinare zone dell’albero che vanno individuate e opportunamente trattate con i dovuti tagli.

I tagli di allevamento serviranno a eliminare l’eventuale crescita di rami improduttivi che si insinuano all’interno del ventre della branca.

Da asportare anche i rami che si incrociano da un lato all’altro della chioma finendo per circondare l’asse del fusto.

Questi rami, assieme ai polloni e succhioni, vanno tagliati partendo dalla base. Vanno tolti anche i rami troppo ravvicinati perché, tra un ramo e l’altro, la distanza deve essere di 50 cm.

Bisogna però fare attenzione a non recidere il collare, cioè il punto di unione tra il ramo e il tronco stesso, che rappresenta una naturale difesa dell’albero dagli agenti esterni.



I tagli della potatura dell’olivo vanno effettuati in maniera netta, decisa e senza esitazioni.

Il taglio corretto deve presentare una superficie regolare, liscia e inclinata, in modo da far scorrere l’acqua piovana ed evitare l’accumulo di umidità e la conseguente marcescenza del legno.

Tagli asimmetrici ed irregolari, oltre a procurare e conseguenze che abbiamo appena indicato, causano anche una difficoltà di cicatrizzazione delle ferite che rendono l’albero esposto alla penetrazione di funghi, insetti parassiti e portatori di malattie.

I tagli vanno effettuati tramite gli appositi attrezzi di potatura, tra cui spiccano le forbici, le cesoie, sia manuali che automatiche, la motosega, il coltello, la roncola e il segaccio.

Le lame degli attrezzi devono essere ben affilate e vanno mantenute pulite e costantemente igienizzate al termine delle operazioni di taglio.

Periodi della potatura

La potatura dell’olivo si effettua dopo il periodo invernale e precisamente tra marzo, cioè a inizio della primavera e maggio, la stagione della fioritura.

Se la primavera si presenta particolarmente fredda o si corre il rischio di un eccessivo abbassamento delle temperature è meglio rinviare le operazioni a quando il clima sarà diventato più stabile e mite, perché il freddo impedisce alle ferite del legno di cicatrizzarsi.

L’eventuale comparsa di rami improduttivi o secchi può essere trattata con tagli da effettuare in qualsiasi momento.

In genere la potatura dell’olivo si esegue ogni anno, per piante giovani si può effettuare anche ogni due anni. In ogni caso, bisogna considerare l’andamento delle stagioni, della temperatura e del clima per evitare la debilitazione della pianta.

Guarda anche Come Piantare le Zucchine sul Terrazzo

Ti potrebbe anche interessare














You may also like
Pesto di Radicchio Rosso 2 Ricette Facili e Gustose tastyandeasy.it
Pesto di Radicchio Rosso 2 Ricette Facili e Gustose tastyandeasy.it
Crostata di Pasta Sfoglia al Radicchio Rosso Gustosissima
Crostata di Pasta Sfoglia al Radicchio Rosso Gustosissima
Tante idee facili e gustose di ricette con verdure di stagione
Tante idee facili e gustose di ricette con verdure di stagione
Insalata di Radicchio Verde e Uova Sode Ottima Pranzo Leggero Estivo
Insalata di Radicchio Verde e Uova Sode Ottima Pranzo Leggero Estivo

Leave a Reply